Calatabiano

Paesino che sorge alla destra del fiume Alcantara, territorio caratterizzato dalla presenza di numerosi agrumeti e nespoleti.

Quello che sicuramente merita di essere visitato trovandosi a passare da queste parti è il castello Arabo-Normanno, probabilmente eretto già in epoca greca ma si fa risalire all’epoca bizantina una prima fortificazione sommitale. Il castello venne completamente abbandonato dopo il terremoto del Val di Noto del 1693 che ne danneggiò l’abitato. Successivamente la popolazione si spostò più in pianura dando origine all’attuale Calatabiano.

Oltre all’immancabile visita al castello ci sono altre strutture che andrebbero viste, come il castello Baronale di San Marco, la chiesa del santissimo crocifisso, la chiesa di Gesù e Maria di epoca tarda barocca e la chiesa di Maria santissima Annunziata.


Altri pezzi di storia sono visibili nel centro storico del paese, come per esempio la statua di Santa Caterina d’Alessandria.












Per il relax estivo non può mancare una sosta nella conosciuta spiaggia di San Marco racchiusa fra la foce del fiume Alcantara e del Fiumefreddo, con il suo arenile di sabbia misto a piccoli ciottoli delle più svariate forme e colori.